SUL MUSEO

Il Museo Civico di Velenje si trova nel castello di Velenje, uno dei castelli sloveni meglio conservati. Il castello di Velenje fu menzionato per la prima volta nel lontano 1270; ricevette la forma odierna nel XVI secolo, quando fu completamente rinnovato e trasformato da una fortezza in una residenza rinascimentale. Dopo la seconda guerra mondiale diventò proprietà dello stato. In quell’epoca fu distrutta la maggior parte dell’arredo originale mentre la costruzione in sé era in declino. All’inizio trasformarono lo spazio interno in appartamenti per i minatori e le loro famiglie.

Il 3 novembre 1957 l’Associazione degli ingegneri e tecnici minerari e metallurgici di Velenje sottoscrisse l’atto costitutivo del Museo delle miniere di carbone della Slovenia. Per la sua sede fu scelto il castello di Velenje, dove ancora oggi c’è la sede del Museo Civico di Velenje. Il Museo Civico di Velenje oggi copre l’area di tre comuni della Valle di Šalek (Velenje, Šoštanj e Šmartno ob Paki). Negli spazi del castello di Velenje vi sono dieci mostre permanenti e di tanto in tanto anche alcune mostre temporanee. Oltre alle mostre dedicate alla storia locale, vale menzionare la Collezione Africana di František Foit, una delle tre collezioni africane più importanti della Slovenia, così come la Collezione dei resti di un mastodonte e la Mostra di arte contemporanea slovena.

Oggi sono sotto il controllo del Museo Civico di Velenje altre otto unità dislocate. Il Museo di pelletteria in Slovenia, a Šoštanj, racconta la storia di cuoiai, industriali e la vita passata nella Valle di Šalek, la Casa contadina di Kavčnik a Zavodnje sopra Šoštanj, un esempio eccezionale d’architettura contadina slovena, che risale al 1670 circa, la Casa contadina di Gril a Lipnje pri Velenju, una volta casa del gestore di vigneto, oggi possiede un giardino di verdura e erbe aromatiche, un alveare, un frutteto e un vigneto, la Casa dei Minerali a Velenje Vecchia con una collezione di più di cinquemila minerali provenienti da tutto il mondo, il Centro Commemorativo del 1991 rappresentante la Valle di Šalek e Valle di Savinja durante la lotta per l’indipendenza della Repubblica di Slovenia, la Galleria F-Bunker, che promuove la fotografia locale, e due camere commemorative, una a Topolšica e una a Graška gora. La Camera Commemorativa a Topolšica è dedicata alla firma della capitolazione parziale tedesca il 9 maggio 1945. La Camera Commemorativa a Graška gora è dedicata invece alla leggendaria XIV divisione partigiana.

Accessibility
Torna su